Intesa San Paolo per la sostenibilità, Ikea per il riciclo, Bally per le montagne e Vibram per l’ecologia.

Un’azienda può essere considerata sostenibile se crea valore nel lungo termine per tutti gli stakeholder coinvolti nella propria attività. Questa visione rappresenta lo stato dell’arte del dibattito sulla natura dell’azienda e del mercato che si è sviluppato negli ultimi secoli, coinvolgendo studiosi mondiali di ecologia, economia e management. Le Multinazionali ormai si stanno adeguando e, cercando di non cadere nella trappola del Greenwashing, ecco alcuni progetti interessanti.

Intesa San Paolo annuncia un nuovo Kpi a cui è stata agganciata la parte variabile della remunerazione di 4 top manager e 35 manager. Si chiama “Impact and Esg”(che ricordiamo significa: Environmental Social e Governance) e pesa il 10% del variabile annuo.Sulla base di quanto comunicato da Intesa San Paolo, questo nuovo KPI valuta  l’inclusione di indici legati a diversi parametri: il sostegno alla green e circular economy e relative aziende, l’impegno del gruppo nella finanza d’impatto per favorire il sostegno all’assunzione dei giovani.

coins, banknotes, money

Ikea sta invece promuovendo una nuova collezione realizzata interamente con tessuti riciclati. Si chiama Fortskrida, ed è composta da queste caratteristiche: 45% bottiglie in PET e 55% denim. La plastica, in questo caso, ha lo scopo di rinforzare il tessuto e garantire resistenza all’utilizzo quotidiano.

ikea, table, dining

Passando al fashion vogliamo oggi citare il brand svizzero Bally che sta da tempo portando avanti un piano di sostenibilità. Ha lanciato la capsule in edizione limitata Peak outlook, fotografata dall’attivista ambientale Michel Comte sul ghiacciaio del Rodano.La collezione è realizzata con prodotti ecologici e comprende capi tecnici e funzionali ispirati al mondo dell’arrampicata come felpe, tshirt, zaini e uno stivale curling con una speciale suola che l’azienda Vibram ha ridisegnato con una costruzione riciclata.Il ricavato sarà destinato alla Bally peak outlook foundation, istituita nel 2019 con l’obiettivo di supportare le spedizioni per la conservazione delle montagne in tutto il mondo.

Continuiamo quindi con Vibram, azienda della provincia di Varese, leader nella produzione di suole in gomma. Il brand Italiano inizia l’anno 2021 al grido di “sostenibilità ambientale e performance”.La volontà  dell’azienda è quella di implementare processi produttivi all’avanguardia per ottimizzare l’impatto sociale, ambientale ed economico. Il progetto si fonda su sei punti cardine che corrispondono all’impegno di Vibram in sei macro aree: governance, energia, zero sprechi, formazione e comunicazione interna, filiera sostenibile, innovazione di prodotto.

shoe, run, forest floor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *