L’arte tra digitale e sostenibilità: Il Sinas* Museum, la mostra virtuale dedicata alla sostenibilità

Si chiama SINAS* (Sustainability is not a Spot*) il progetto ideato e curato da Alessandro Federico Veca e selezionato dalla Commissione Europea come evento partner della European Green Week di quest’anno dal tema “Zero Pollution Ambition”.
Una mostra virtuale ed interattiva che combina arte, architettura e video-racconti di operatori ed esperti nell’ambito della Fashion industry, per interrogarci su uno dei settori economici più influenti e inquinanti al mondo, e capire a che punto siamo rispetto al percorso di sostenibilità intrapreso.
Un progetto ambizioso che ha coinvolto diverse personalità legate al processo di trasformazione sostenibile del settore moda: la sustaninability projects coordinator di Camera della Moda, Chiara Luisi; l’advocacy officier di Mani Tese, Riccardo Rossella; la responsabile corporate e consumer di Greenpeace, Chiara Campione; il vincitore del primo Green Fashion Carpet Awards, Tiziano Guardini; la Green fashion influencer, Camilla Mendini; il responsabile di Slow Fashion Italia e CNATorino, Vitaliano Alessio Stefanoni; l’ideatrice del progetto IED “The Time is Now!”, Alessia Crea; le artdesigner di Fibra Research, Adriana G. Fortunato e Caterina Fumagalli; ed ancora gli ideatori ed i responsabili di fashion brand sostenibili come Rifò Lab, Fili Pari, Par.Co Denim, Ohoskin ed Orange Fiber.


Dodici esperti che attraverso i loro racconti e la loro esperienza rappresentano le “good practices che il settore moda made in Italy vuole rappresentare nel mondo. Delle risposte reali e concrete alle domande suscitate dai “Fake Adverting” prodotti da Alessandro Federico-Veca, che ribaltano l’immaginario ed il linguaggio patinato e seducente tipico delle case di moda, per raccontare attraverso dati e numeri le ingiustizie sociali e ambientali che ancora orbitano attorno al mondo
della fashion industry.

La mostra è visitabile dal sito www.sinasproject.it.https://www.sinasproject.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *